Valérie – Diario di una ninfomane

Diario di una ninfomane

Valérie – Diario di una ninfomane è un film del giovane regista spagnolo Christian Molina; uscì in Italia nel 2009. Il personaggio principale è interpretato da Belén Fabra. Esattamente tre anni dopo uscì Shame di Steve McQueen che ne è un perfetto contraltare maschile. Valérie perde la verginità a quindici anni. Da quel momento scopre una necessità compulsiva di esplorazione del proprio corpo. Ha bisogno di continui rapporti sessuali; in casi limite anche con perfetti sconosciuti. A differenza di Brandon, (il protagonista del già citato Shame) Valérie arriva a lasciarsi andare ai sentimenti. La scelta che sembrava averle portato equilibrio la farà sprofondare nel baratro più profondo da cui cercherà di rinascere. Un film non definibile come “erotico” bensì estremamente fisico ed esplicito; spesso girato in maniera borderline. Ai confini tra introspezione e pornografia. Un cast non particolarmente affiatato e diretto in maniera pulita ma acerba non convince appieno.

Precedente 120 battiti al minuto Successivo Made in Italy - la recensione di cineMAppazzone