Storia del cinema italiano: Upperseven – l’uomo da uccidere (1966)

upperseven

Nonostante il titolo e il respiro internazionale, Upperseven – l’uomo da uccidere è una co-produzione italotedesca del 1966 con Paul Ubschmid, Karin Dor, Vivi Bach, Nando Gazzolo, Rosalba Neri, Gina Lollobrigida e Tom Felleghy. La regia è di Alberto De Martino. Per la versione anglofona venne scelto il titolo: The Spy with Ten Faces (l’uomo dalle dieci facce) riferendosi al fatto che il protagonista è una spia ben addestrata all’utilizzo di maschere (il fotogramma a lato è esplicativo) per nascondere la propria vera identità. Upperseven (ovviamente ogni riferimento al più famoso 007 non è puramente casuale) è la spia che, con la complicità di una donna al suo fianco, deve sorvegliare una delicata operazione tra Stati Uniti e Sudafrica. Il villain di turno è il famigerato Kobras che cercherà di complicare le cose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.