Zoran, il mio nipote scemo

Zoran

Zoran, il mio nipote scemo è l’opera prima di Matteo Oleotto, ma non è la prima volta che il veneto Roberto Citran e il friulano Giuseppe Battiston recitano insieme. I due eccellenti attori del nordest hanno già collaborato nel tenero Io sono Li, e in La sedia della felicità. Zoran, il mio nipote scemo venne presentato in anteprima alla Mostra del Cinema di Venezia 2013 ed uscì nelle sale un paio di mesi dopo. E’ una commedia simpatica ambientata tra il friuli venezia giulia e la Slovenia ed ha raccolto numerose candidature in diversi premi cinematografici italiani. Paolo (Giuseppe Battiston) è un pigro frequentatore della locale osteria. Amante del vino e cinico fino al midollo, vive senza porsi troppi problemi. Nel momento della scoperta della morte di una zia slovena arriva a conoscenza di Zoran, un suo nipote di cui ignorava totalmente l’esistenza. E’ un ragazzo problematico di cui Paolo dovrà prendersi cura per un periodo di tempo limitato. L’incontro tra i due provocherà importanti cambiamenti nelle reciproche esistenze. Possiamo serenamente etichettare il film come “commedia alcolica” in cui il vino è l’assoluto protagonista. Tra un bicchiere e l’altro, la vita di provincia scorre molto lentamente e il tranquillo fluire del pacato tran-tran quotidiano di un nordest lontano dallo stress metropolitano è il sottofondo di questa storia molto umana (nel senso più stretto della parola). Un film quasi “di formazione” che segue attentamente il cambiamento di coscienza di due esseri molto diversi tra loro. Grazie ad una reciproca e positiva influenza completeranno una maturazione che li porterà ad un più elevato senso di responsabilità. Un film minimalista ma, al contempo, profondo. Rok Prasnikar è alla sua prima apparizione sul grande schermo (nel ruolo di Zoran) e non sfigura per niente anche se è affiancato da attori esperti come Battiston e Citran.

Voto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.