Rambo – Last Blood

Rambo - Last Blood

Rambo – Last Blood

Regia: Adrian Grunberg
Cast: Sylvester Stallone, Paz Vega
Data di uscita in Italia: giovedi 26 settembre 2019
Distribuzione: Notorious Pictures

Sono passati trentasette anni da quando un (allora) giovane Sylvester Stallone interpretò, per la prima volta, l’allora altrettanto giovane John J. Rambo. Nel 1982 colpì nel segno: un reduce della guerra in Vietnam, ingiustamente braccato dallo sceriffo Will Teasle, si difendeva strenuamente mettendo a frutto l’addestramento militare grazie al quale era divenuto un “berretto verde”. Da allora, Rambo ha combattuto di nuovo in Vietnam, in Afghanistan e in Birmania. Nel 2019 lo vediamo, finalmente, ritirato in campagna, nel suo ranch di famiglia. Un qualunque allevatore di cavalli se non fosse per gli incubi ricorrenti che lo tormentano. Una vita passata ad uccidere (per difesa o patriottismo) non può che lasciare duri strascichi. La routine scandita da ritmi normali non si addice a chi “normale” non è, ed infatti la situazione, dopo un discreto preambolo, precipita. Una banda di malavitosi messicani pesta i piedi a Rambo facendolo arrabbiare e (come direbbe l’Attila abatantuoniano) riscatta la viuleeenza per la quinta volta. Si scatena la classica furia vendicativa, facendo virare il film verso la tradizionale vena brutale e sanguinosa. Questa volta le uccisioni sono cruente e splatter come mai prima d’ora. Il titolo “Last Blood” richiama quel “First Blood” del 1982 e sembrerebbe alludere alla conclusione della saga… ma non è credibile. Quel vecchio volpone di Sly è troppo affezionato al personaggio di Rambo (e ai soldi che tutt’ora incassa); crediamo che ci riproverà ancora – etá permettendo. La parte più interessante arriva solo alla fine con i titoli di coda che scorrono sulle scene più cult degli episodi precedenti. Troppo poco.

Precedente Copia originale - la recensione Successivo La vita invisibile di Eurídice Gusmão